Nana docet

La tua manina nella mia sembra piccola piccola. E morbida. Con quei buchini all’altezza delle nocche che sembrano fatti per essere mangiati. Anche lei è agitata, smaniosa come te, non sta un attimo ferma; mi tira di qua e di là, cerca di sfuggirmi, ma quando ci riesce poi, dopo un pò, torna e si arrampica, cerca di rimanere protetta dalla mia con quella presa sicura ma un pò goffa. Io ti seguo, comandi tu, e mi mostri con gli occhi spalancati i fiori rossi che nascono vicino al muro in pietra di un cascinale. Poi è la volta delle “brum brum” che indichi ridacchiando. Almeno fin quando non ti accorgi che nel cielo c’è la scia di un aereo e tu, orgogliosa di sapere come si chiama, guardi in alto, la studi con la bocca aperta per un pò, e poi esclami trionfante :”Aeo!!”

Per quanto posso lascio guidare te, e mi faccio insegnare il mondo, perchè ogni cosa, vista coi tuoi occhioni castani, appare entusiasmante.

Greta

Annunci

20 pensieri su “Nana docet

  1. Marina Iacomino ha detto:

    E gia’, amica, comanda lei! Ora avrei una voglia incredibile di abbracciarvi! Sei sempre la solita! Vi voglio bene!

  2. Giovannoni Claudine ha detto:

    “Loro” sono puri dentro…
    non corrotti, dolci, genuini…
    peccato che poi, col diventar grandi, dal resto del mondo ricevono esempi poco dignitosi!
    Tienila stretta, quella mano d’infante, ti porterà molto lontano e… se lascerai libero il tuo bimbo interiore, ecco che riscoprirai il segreto della Felicità!
    Un abbraccio
    :-)claudine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...