A Greta danzatrice

 

Un tempo ballavo. Danza classica per dieci anni. Non sarei voluta diventare ballerina, ma mi piaceva. Poi un giorno i tendini birichini delle gambe hanno iniziato a rompere le scatole e, dopo due anni di costosissima ed altrettanto inutile fisioterapia, ho dovuto smettere. Insomma dicevo, ballavo. E ovviamente quando si danza, si fanno degli spettacoli. Uno di questi lo feci in quanto protagonista di una sfilata a Danza in Fiera, che si tiene tutti gli anni alla fortezza di Firenze. E, per l’occasione, si sono mobilitati parenti e amici. Tra loro c’era mio nonno. Ho già parlato di lui e del rapporto meravigliosamente complice che avevamo in un vecchio post.

Qualche giorno fa, cercando con mio padre dei documenti relativi ad un libro del nonno che a giorni pubblicheranno, curiosando tra tutte le sue scartoffie e tutti i suoi scritti (infiniti) ho trovato questo. Lo avevo letto davanti a lui, lo aveva scritto per me e me lo aveva consegnato con un sorriso, ma ritrovarlo ora dopo tanto tempo mi ha fatto venire una dolorosa stretta al cuore.

Dice così:

 

A GRETA DANZATRICE:

 

Sul colle di Bellosguardo (Firenze), presso l’altare sacro alle tre grazie, viene svolto un rito in loro onore da tre sacerdotesse rappresentanti la musica, il canto, la danza. E’ presente a quel rito il grande poeta Ugo Foscolo il quale dice:” La danzatrice, meno bella di te, o gentile suonatrice, quando suoni; meno amabile di te, o soave poetessa, quando canti ed ella se ne sta seduta,

 

                                                  Ma se danza,

vedila! Tutta l’armonia del suono

scorre nel suo bel corpo, e dal sorriso

della sua bocca; e un moto, un atto, un vezzo

manda agli sguardi venustà improvvisa.

E chi pinger la può? Mentre a ritrarla

pongo industre lo sguardo, ecco m’elude,

e le caròle che lente disegna

affretta rapidissima, e s’invola

sorvolando su’ fiori; appena veggio

il vel fuggente biancheggiar fra’ mirti.”

 

Mia carissima Greta,

questi splendidi versi del Foscolo

Si ridestarono in me quella sera

Quando ti vidi radiosa,

col tuo ammaliante sorriso

Volteggiarti eterea

Nei ritmi sonori della danza,

E poi e poi eterea involartene,

Degna sacerdotessa anche tu

Delle divine Grazie.

 

Tuo nonno Antonio                                         

 

 

Lo ho amato tanto. Mi ha dato tantissimo. Mi ha trasmesso tutto quello che aveva da donare. E sono qui coi lucciconi a ricordarmi quando lui coi lucciconi salutò sua nipote che aveva appena visto danzare. Grazie.

 

 

Greta

Annunci

13 pensieri su “A Greta danzatrice

  1. ninA ha detto:

    dolcissimo, di una bellezza poetica e leggera…al tempo stesso profonda e fitta come la trama di un nido che copre e rispetta, cura e protegge.

    Ho amato la mia nonna come non posso spiegare..
    mi sono commossa leggendo…

  2. hagane80 ha detto:

    Che dolce messaggio che ti ha lasciato tuo nonno! Molto commovente e pieno di sentimento.
    Tra l’altro non ricordavo questa poesia del Foscolo, credo di leggerla ora per la prima volta e la trovo bellissima.
    Buona domenica, Greta! 🙂

  3. Giovannoni Claudine ha detto:

    tutti abbiamo dei sogni, Greta!
    sogni piccoli, sogni grandi, sogni immensi… a volte pure sogni impossibili!
    ciò che ci riporta al passato, ormai girato dietro l’angolo, mesi o anni or sono, ecco che “brilla di luce sua”…
    🙂
    e così, presi dalla foga, continuiamo a sognare…
    a volte, è vero, ecco che i sogni prendono nuovamente forma… e ci accompagnano per un attimo ancora…
    serenità :-)claudine

  4. cacciatricedisogni ha detto:

    Sono qui perchè voglio augurarti una serena e S. Pasqua a Te
    e famiglia. Poi ho letto il tuo post, me lo ero perso… l’ho letto come
    sempre, con grande entusiasmo, perchè hai grazia e leggerezza nel
    raccontarti, come una bella ed eterea ballerina… appunto.
    Tuo nonno era davvero una persona speciale, si capisce quando una persona scrive col cuore oppure scrive tanto per scrivere – anche se brava – Bellissima poesia dedicata alla sua amata nipotina, e bellissimo ricordo
    del tuo caro nonno che trasferisci nelle tue parole… sentite.
    Ti abbraccio col cuore dolce Greta, ti voglio bene, Lori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...