Son 22…balliamoci sopra!

E oggi siamo arrivati a quota 22. Inutile dire che mi sento vecchia e che questa sensazione sia acuita dal fatto che sono mamma. Ma stavolta l’ho pensata bella. Ho preso le Amiche e le ho trascinate a ballare. Il posto è sempre quello, dettato dalla grandiosa economicità, e anche la compagnia, se Dio vuole, è sempre di qualità.

E mentre goccia a goccia la mia lancetta biologica passava senza pietà sui ventidue anni, io ballavo. E lo facevo con gioia, e lo facevo con voglia, e lo facevo con una spensieratezza spesso cercata e di rado raggiunta. Tra la folla palpitante ed esaltata, resa sfumata e irreale dalle luci intermittenti e colorate, ho liberato la mia voglia di divertirmi. Con gli occhi chiusi, la testa leggera ed i capelli scarmigliati, capelli appositamente disciplinati da mani esperte, e risolutamente indomabili. Il vocalist chiaccherava di cose insensate, ma fondamentalmente non esisteva. Esistevamo noi, i nostri corpi e la musica che li guidava. E non c’era bisogno d’altro. E’ facile per il mio corpo assecondare incondizionatamente la musica, è quasi naturale. Basta lasciare che il ritmo ti entri nelle gambe, nelle ossa, ti riempia la testa e le orecchie, all’inizio timidamente, poi con sempre più impeto; senza pensare, senza vergogna, senza ritegno: è un processo automatico, non ha bisogno di regole, non ha bisogno di intenzione, una volta che inizi ci sei dentro, e prima che tu te ne renda conto è diventato tutto ciò che vuoi, tutto ciò che ti ci vuole.. Non c’è nessuno insieme a te in verità, perchè non c’è nessuno di cui ti interessa. Sei solo tu, le note, e gli abbaglianti lampi colorati che penetrano anche l’oscurità delle tue palpebre chiuse. E quando poi riapri gli occhi, tutto è confusione, tutto è caos, tutto è fatto di corpi che si muovono urtandosi reciprocamente e di mani che si alzano impulsivamente verso l’alto. La vita normale è fuori, dove non ci sono luci colorate e dove regnano gli impegni e le parole. Ma qui chi comanda è la musica ed il mio corpo, i miei piedi e le mie mani e i miei capelli sempre più ricci. Non ci sono per nessuno, non ci sono per le responsabilità, per la stanchezza, per i malumori, per i discorsi frivoli o litigiosi. Non ci sono per nessuno, nemmeno per me stessa. Greta non c’è, è al suo ballo dei 22 anni.

Greta

Annunci

12 pensieri su “Son 22…balliamoci sopra!

    • gretapiccininni ha detto:

      No via ieri sera sei stata partecipe, stranamente, apparte qualche sprazzo da bodyguard. Ma quando balli la maggiorparte del tempo, lo fai da te e PER te. Poi le nostre bischerate è meglio se le lasciamo confidenziali !!!

  1. lupus.sine.fabula ha detto:

    Auguri,… 22 anni che sogno! E sei già mamma! Io che ne ho 30 e non posso… altro che senso del tempo e della vecchiaia che mi sento addosso.-.. Questo tuo post mi ha fatto piangere, pensando a me…

  2. strangethelost ha detto:

    Io non so cosa pagherei per riavere 22 o anche i miei 30 anni!!
    Auguri carissimi anche se in ritardo .Liù

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...