Sigaretta

Ho iniziato presto a fumare, troppo presto. Ho provato a smettere, troppo tardi.

E così ora mi ritrovo in quel meraviglioso e insensato limbo delle “tre sigarette al giorno”.

Meraviglioso perché fumo con gusto, assaporando ogni singola boccata, senza la smania di ingerire la nicotina e senza uscire di testa se l’intervallo tra una sigaretta e un’altra è talmente lungo che poi per recuperare ne devo fumare cinque insieme. Insensato perché, secondo l’opinione comune, “visto che riesco a fumarne solo tre a questo punto tanto vale smettere che fumare fa male!”.

E invece no.

Tra tutte le cose che possono far male in questo mondo, io ho scelto la sigaretta; la sigaretta assaporata, la sigaretta goduta, la sigaretta condivisa. La sigaretta che ha il grandioso pregio di terminare lasciandoti comunque inappagato, col sapore di tabacco ancora sulla lingua ma con la mano vuota e la consapevolezza che la tua coscienza ti impedirà di accendertene immediatamente un’altra. Mentre brucia e arriva inesorabilmente e malinconicamente verso la sua fine, cedendo elegantemente all’aria un sottile e sinuoso nastro di fumo, tra una chiacchiera e una risata, ti occupa la mano, la gola, il tempo. Non penso sia innocua e tantomeno salutare ma, probabilmente, se lo fosse non mi piacerebbe tanto.

 ”Una sigaretta è il prototipo perfetto di un perfetto piacere. E’ squisita e lascia insoddisfatti. Che cosa si può volere di più?

Oscar Wilde

 

 Greta

Annunci

6 pensieri su “Sigaretta

  1. Chia ha detto:

    Come sempre non posso che riempirti di complimenti per il tuo meraviglioso modo di scrivere e per il fatto che riesci a fare degli articoli su cose normalissime, rendendoli interessanti e senza mai farli cadere nella banalità!

  2. Anna ha detto:

    Il piacere purtroppo spesso e volentieri è anche nocivo. Io non sono meglio di nessun altro, per il fatto che non fumo: molto probabilmente se avessi iniziato ai tempi in cui avete iniziato voi, anche io non riuscirei a smettere adesso, perché la cosa più difficile è proprio rinunciare ai piaceri, una volta che si sono assaporati. Beata la mia ignoranza quindi 😉

    • gretapiccininni ha detto:

      io credo che qualunque cosa si voglia veramente fare si può fare, chiamami utopista ma ho molta fiducia nella forza di volontà… se uno vuole smettere di fumare realmente ce la fa,.. ne conosco un’infinitá. quindi se altri ce l’hanno fatta non vedo perché io volendolo non dovrei farcela… è che non voglio :p

  3. lupus.sine.fabula ha detto:

    premetto che non fumo, però a leggere la tua descrizione dell’atto del fumare, sembra quasi che l’emissione di una gas nicotinico dalla bocca possa sublimare i nervosismi del quotidiano. No, non riuscirai a smetter di fumare se lo descrivi così con questa intensità… e magari convinci anche me a provarci!
    helpppp!!! 🙂

  4. Anna ha detto:

    Non ho mai detto che non confido nella tua forza di volontà Greta e spero che tu possa riuscire a smettere, anzi sono convinta che ce la farai: ho solo detto che io, non avendo mai neanche iniziato, mi sono risparmiata questo immenso sforzo di volontà che forse non sarei neanche riuscita a portare a termine 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...